Traduci sito in:

itzh-CNenfrdejaptrues

Portali scolastici

ministero istruzione

iscrizioni online

pnsd

scuola-chiaro

sidi

fse 2014-20

pon in chiaro

indire

testata grande

Progetti

PROGETTO FOCUS REALIZZATO DALLA PROF.SSA CRUSCOMAGNO CON GLI ALUNNI DELLE CLASSI II.

 

 

focus.630x360

Allegati:
Scarica questo file (Punta su di te...pdf)Punta su di te...pdf[ ]1531 kB

PHOTO 2019 03 29 09 21 12

Allegati:
Scarica questo file (PHOTO-1.jpg)PHOTO-1.jpg[ ]185 kB
Scarica questo file (PHOTO-2.jpg)PHOTO-2.jpg[ ]149 kB
Scarica questo file (PHOTO-4.jpg)PHOTO-4.jpg[ ]132 kB
Scarica questo file (PHOTO-6.jpg)PHOTO-6.jpg[ ]118 kB
Scarica questo file (PHOTO-7.jpg)PHOTO-7.jpg[ ]128 kB

“Donare è bello”

Si è svolto nell’aula insegnanti dell’IPSEOA, Istituto Alberghiero di Castrovillari, il convegno “Salute e solidarietà incontro sul tema Educazione alimentare e sensibilizzazione alla donazione”, organizzato dal Corso Serale in collaborazione con l’AVIS di Castrovillari. Davanti ad un pubblico attento l’incontro, dopo il saluto della Dirigente, la prof.ssa Franca Anna D’Amico, è iniziato con l’intervento della presidentessa dell’AVIS, attiva sul territorio da 26 anni, forte di più di millecinquecento volontari, la dott.ssa Marianna Affortunato, la quale ha parlato dell’importanza del donare in maniera anonima, in quei dieci minuti che allungano la vita, sottolineando la sensibilità dei ragazzi in questi incontri, perché si può essere donatori dai 18 ai 65 anni. L’intervento del dottore Giuseppe Angelastro, già presidente dell’associazione negli anni scorsi, si è basato sul racconto di varie esperienze di donatore e al tentativo di creare anche un AVIS per gli animali presenti nel circondario, perché “donare” è bello e riguarda tutti gli esseri viventi. Il racconto del volontario Alessandro Armentano, studente del corso serale, si è basato sul toccante racconto della sua esperienza di malattia, che lo ha portato ad avvicinarsi all’associazione in modo spontaneo circa tre anni fa. Il professore Gianni De Rito ha illustrato in modo esauriente gli effetti di una sana alimentazione necessaria per assurgere al ruolo di volontario, ma rivolta anche ai più giovani, capaci di cadere in vere trappole alimentari. Dopo la visione di alcuni filmati, il numero pubblico ha potuto gustare l’affascinante buffet organizzato dai docenti, Silvano Gireffo e Rosetta Maiorano.

Allegati:
Scarica questo file (FOTO.rar)FOTO.rar[ ]1042 kB

“Il coraggio è un calcolo che ci consiglia di affrontare un male per prevenirne uno maggiore.”

Louis Philippe de Ségu

“PROGETTO MARTINA”

Una giovane donna di nome Martina morta precocemente di tumore a Padova lascia un “testamento morale” : diffondere la cultura della prevenzione tra i giovani per combattere e sconfiggere il male che l’ha sopraffatta. Il progetto, patrocinato dal Senato della Repubblica, dal Ministero della Salute, dal Ministero dell’Istruzione e dalla Fondazione Umberto Veronesi ,è stato presentato dal “Lions Club” di Castrovillari ed inserito nel percorso dell’Educazione alla Salute curato dalle prof.sse Mirella Cruscomagno e Antonietta Mirabelli .L’iniziativa è stata rivolta alle classi quinte che il 3 dicembre, nell’aula informatica dell’IPSEOA di Castrovillari ,hanno incontrato il Presidente del “Lions Club” Michele Martinisi, il dottor Postorivo (medico chirurgo) e la dott.ssa Ferrari (anatomo-patologa) .Dopo la presentazione effettuata dal Presidente, i medici hanno dato informazioni, con metodologia non traumatizzante su alcune patologie che possono presentarsi in età giovanile, stimolando curiosità ed interesse e interagendo con gli alunni con l’obiettivo di offrire spiegazioni utili a mettere in atto semplici ma efficaci azioni di prevenzione primaria e secondaria .

“La scuola è il nostro passaporto per il futuro, poiché il domani appartiene a coloro che oggi si preparano ad affrontarlo.”

IMG 20181203 WA0000

“Due lunghi rami che si intrecciamo in una stretta di mano, dall’alto di una scogliera, sullo sfondo dove si incontrano fondendosi l’azzurro del mare con quello del cielo.” Questa è l’immagine riprodotta nel murales ideato e realizzato, tra il 4 e l’11 ottobre, dall’artista della Fabio Cuffari dell’associazione culturale Alfa di Aosta, con l’ausilio di vari ospiti della struttura e inaugurato qualche giorno fa su un muro all’ingresso della zona protetta del carcere di Viale Sergio Cosmai. È la parte finale del progetto “Facciamo un figurone”, terza edizione di “Siddiavò” ideato dalle insegnanti Maiorana Rosetta e Annamaria Rubino, promosso dall’IPSEOA Istituto Alberghiero “Karol Wojtyla” di Castrovillari in collaborazione con la Casa Circondariale, i comuni di Castrovillari, San Basile, Frascineto, Saracena, l’Ente Parco Nazionale del Pollino e la Diocesi di Cassano allo Ionio, oltre ad alcuni sponsor privati, sensibili alla tematica di aprire un canale tra il grigiore del casa circondariale e la realtà esterna. Nei vari interventi del convegno che ha seguito l’evento, inframmezzato da momenti musicali e dalla lettura di poesie da parte degli ospiti della struttura, reso possibile anche dalla collaborazione dalla Polizia Penitenziaria, presente nella persona del comandante Carmine Di Giacomo, sia la direttrice Maria Luisa Mendicino, la dirigente dell’IPSEOA prof.ssa Franca Anna Damico e il cappellano del carcere, don Francesco Faillace, in rappresentanza di sua eccellenza Francesco Savino, hanno ribadito la necessità di credere nel valore della fratellanza, unico rimedio all’egoismo attuale, e ad avere fiducia maggiormente nel proprio talento, come ha illustrato il maestro Franco Azzinari nel suo piacevole intervento.      

foto 3 2

 

Allegati:
Scarica questo file (foto 1.jpg)foto 1.jpg[ ]422 kB
Scarica questo file (foto 2.jpg)foto 2.jpg[ ]440 kB

Dopo otto anni, all’Istituto Professionale di Stato per i servizi dell’Enogastronomia e dell’Ospitalità Alberghiera di Castrovillari, uno dei tre istituti secondari superiori scolastici della provincia ad attivarsi in tal senso, si sono svolti nei giorni 10, 11 e 12 settembre gli esami di qualifica professionale IeFP, in collaborazione con la Regione Calabria, presenti nella persona dei presidenti: la dott.ssa Teresa Bifezzi e l’architetto Sinibaldo Esposito. Questi esami costituiscono un importante appuntamento per gli studenti del terzo anno, che permette loro di acquisire una qualifica IeFP da spendere nel difficile mondo del lavoro odierno. Gli esami che hanno riguardato il profilo professionale Operatore Preparazione Pasti, il profilo professionale Operatore della Ristorazione Sala-Bar e Operatore ai servizi di Promozione e Accoglienza, hanno impegnato gli studenti in tre fasi: una prova multidisciplinare, una prova situazionale consistita nella realizzazione di un progetto per gli esami IeFP, tramite una degustazione che ha coinvolto molti operatori del settore e dirigenti delle altre scuole operanti nel territorio. L’ultima prova è consistita in un colloquio individuale. Viva soddisfazione è stata espressa, al termine della sessione di esami, dalla Dirigente, la prof.ssa Franca Anna Damico per i brillanti risultati raggiunti dagli studenti, grazie anche all’impegno e alla disponibilità del personale docente, amministrativo e tecnico.

foto 6